12 / 04 / 2018

Sanità, De Vincenzi, ancora nessun piano dei fabbisogni

Estratto da pagina 1 di umbriajournal.com del 12-04-2018 - Autore: Redazione

PERUGIA – “Apprendiamo con preoccupazione che i sindacati della dirigenzamedica, veterinaria e sanitaria, ancora non sono stati convocati dall’assessorealla sanità Barberini per definire il piano dei fabbisogni in vista dellastabilizzazione del personale medico, veterinario e sanitario delle ASL,Aziende Ospedaliere, Istituto zooprofilattico e ARPA della nostra regione”. Loscrive il consigliere regionale Sergio De Vincenzi (Misto-Umbria next). Secondol’esponente dell’opposizione, “i cittadini umbri sono ben coscienti che unadelle problematiche più stringenti della sanità regionale è la carenza dipersonale e la precarietà del numero dei professionisti.L’articolo 20 della legge Madia (Decreto legislativo 75/2017) ha come obiettivoproprio la stabilizzazione dei medici e sanitari che da anni lavoranoprecariamente nelle strutture pubbliche, al fine di garantire una continuità euna efficienza di servizio”. “Nonostante non sia stato ancora ufficialmenteconcertato e definito un piano regionale dei fabbisogni e di stabilizzazionedelle professionalità mediche e sanitarie operanti nelle strutture e negliistituti – aggiunge De Vincenzi -, notizie di stampa evidenziano che 138precari verranno stabilizzati dall’Azienda ospedaliera di Perugia, senza averprogettato con tutte le realtà sindacali una programmazione di intervento subase regionale”. De Vincenzi si chiede quindi a che gioco stiano giocando ivertici della regione.[INS::INS]Per De Vincenzi, “a fare le spese di questo atteggiamento autoreferenziale,saranno gli stabilizzandi e cittadini che potrebbero non trovare giovamentodalle collocazioni e dai servizi erogati. Inoltre questa prassi espone tanto iprofessionisti quanto le istituzioni a possibili contenziosi che potrebberosorgere in assenza di linee guida regionali condivise”.“Un comportamento delgenere – spiega – lascia ancor più perplessi tenendo conto che è ancora initinere la stesura del nuovo piano sanitario che presupporrebbe uncoordinamento attento fra i servizi, la loro distribuzione territoriale e lapianta organica complessiva. Un lavoro articolato che non può prescindere daun’ampia concertazione con le professioni mediche”.“Non troviamo ragioni comprensibili che motivino questo comportamento e questaassenza di collaborazione – conclude De Vincenzi – che oltrepassa anche unalegge nazionale, già applicata da alcune regioni come la Sicilia, l’Abruzzo, ilVeneto, la Toscana e la Basilicata”.[INS::INS]Print Friendly, PDF & Email • De Vincenzi • fabbisogni • SanitàCommenta per primoLascia un commento Annulla rispostaL'indiriz

 

Federsanità ANCI Umbra - Via Alessi,1 - 06122 Perugia -
Tel: +39 075 5755428 Tel: +39 075 5755412 Fax: +39 075 5755417
info@federsanita.umbria.it

 
chi siamo progetti comunicazioni agenda aziende a lavoro documenti aziende a lavoro sondaggi recensioni strutture welfare cloud statuto aziende associate come associarsi inagurazioni pubblicazioni tempi di attesa agenda news una scelta in comune sito nazionale feder sanità faceboock twitter quotidiano sanità